Basta uno scritto solo in tutto l’anno

Centro di Documentazione e Comunicazione Generativa
“Don Lorenzo Milani e Scuola di Barbiana”

Centro di Documentazione e Comunicazione Generativa
“Don Lorenzo Milani e Scuola di Barbiana”

Il progetto

Cronache dal progetto: attività, contenuti, aggiornamenti, formazione

Community building

CRONACHE DAL PROGETTO: ATTIVITÀ, CONTENUTI, AGGIORNAMENTI, FORMAZIONE
COMMUNITY BUILDING

Basta uno scritto solo in tutto l’anno

Narrazione a più voci #2 | L’arte è una cosa seria, ma fatta d’una tecnica piccina…
TEMA: LA SCRITTURA COLLETTIVA RICHIEDE TEMPO

L’arte è il contrario della pigrizia, è un processo meticoloso che richiede molto tempo; per questo i ragazzi di Barbiana suggeriscono alla professoressa della Lettera di non sprecare le (poche) ore di lezione in esercitazioni fittizie, ma di dedicarle a scrivere un – e uno solo – testo, ma scritto a regola d’arte. E questo consiglio l’hanno applicato in prima battuta a loro stessi, dato che la pubblicazione della Lettera è del maggio 1967, ma la prima notizia dell’avvio del lavoro risale al 14 luglio dell’anno precedente: «Stiamo lavorando a una grande lettera come quella ai giudici. Questa è contro le professoresse». E già pochi giorni dopo (18 luglio) si intravede la sua forma finale: «La grande lettera è, se ancora non lo sai, una lettera a una professoressa che bocciò il Biondo e Enrico lo scorso anno. Viene un’opera grandiosa. Forse un libretto.»

Le risorse documentarie
Da Lettera a una professoressa
Pigrizia

Dite piuttosto che non sapete che cosa è l’arte. L’arte è il contrario della pigrizia.
Anche lei, non dica che le mancano le ore. Basta uno scritto solo in tutto l’anno, ma fatto tutti insieme.
A proposito di pigri. Le propongo un esercizio divertente per i suoi ragazzi. Passate un anno a tradurre il Saitta in italiano.

p. 127
Ascolta il commento sull’estratto della Lettera delle persone coinvolte nello sviluppo della narrazione
Agostino Burberi
Franca Righini
Coming soon

Fiorella Tagliaferri

Coming soon
Pubblicazioni in cui compare la fotografia
  • Fondazione don Lorenzo Milani (a cura di Sandra Gesualdi e Lauro Seriacopi), Gianni e Pierino. La scuola di Lettera a una professoressa, Arcidosso (GR), Edizioni Effigi, 2019, p. 23
  • Gesualdi, S., Giorgi, P. (a cura di), Barbiana e la sua scuola. Immagini dall’archivio della Fondazione Don Lorenzo Milani, Firenze, Aska edizioni, 2014, pp. 70-71
Ascolta il commento sulla fotografia delle persone coinvolte nello sviluppo della narrazione
Agostino Burberi
Franca Righini
Coming soon

Fiorella Tagliaferri

Coming soon
Analisi della fotografia
Clicca sul menù sottostante per approfondire l’analisi della fotografia.
I dati che presentiamo sono il risultato del confronto con i testimoni che hanno partecipato alla vita della Scuola di Barbiana.

Agostino Burberi: Sempre sotto i suoi occhi vigili, ma sempre a studiare

Agostino Burberi: Anni ‘60

Agostino Burberi: Agostino Ammannati

Agostino Burberi: Vicino all’ingresso della scuola

Agostino Burberi: Il primo da destra è un ragazzo che veniva da San Martino, quello subito dietro è Aldeviano, quello dopo don Milani è Giuseppe Zagli. Il ragazzo in fondo veniva chiamato “Ciccio”, non ricordo esattamente il suo nome

Agostino Burberi: Hanno in mano un libro, quindi stanno facendo un lavoro collettivo

Consulta gli altri contenuti della narrazione
L’arte è una cosa seria, ma fatta d’una tecnica piccina…
L’arte dello scrivere
si insegna come ogni altr’arte
13x18 O Don Milani e ragazzi al tavolo
La scrittura collettiva – o arte dello scrivere – è uno dei lasciti milaniani che più hanno colpito le e gli insegnanti nei decenni che ci separano dalla sua scomparsa…
La teoria del genio
è un’invenzione borghese
13x18 V studio grammatica
Nessuno è inadatto allo studio, e tantomeno alla scrittura. Chi lo sostiene lo fa per un misto di razzismo e di pigrizia, che non gli consente di vedere il potenziale…
«Questa lettera ha uno stile
personalissimo»
30x40 O davanti croce
In una lettera a Giorgio Pecorini, don Lorenzo si sofferma anche su un apparente paradosso figlio della superficialità di certi lettori (‘intellettuali cretini’)…
Aver qualcosa di importante
da dire e che sia utile a tutti o a molti
30x40 O dialogo in aula
«Parlano le carrozze ferroviarie» è l’esempio lampante del solco esistente tra la scuola e la vita. Una scuola che troppo spesso perde di vista i bisogni, i vissuti, i talenti dei ragazzi…
Una mano tesa al nemico
perché cambi
100_2852
Si può vedere online un frammento di un’intervista a Pier Paolo Pasolini in cui parla della Lettera, definendola un libro scritto con grande grazia, grande precisione, grande umorismo ma…

Il centro Generativo è un’applicazione dell’Ambiente Integrato Atque™

Lo sviluppo informatico del Centro Generativo è a cura di Centrica

I risultati del progetto saranno messi a disposizione della Fondazione don Lorenzo Milani
senza alcun suo onere economico e con sua piena libertà di utilizzo