Ricominciate tutto da capo all’infinito

Centro di Documentazione e Comunicazione Generativa
“Don Lorenzo Milani e Scuola di Barbiana”

Centro di Documentazione e Comunicazione Generativa
“Don Lorenzo Milani e Scuola di Barbiana”

Il progetto

Cronache dal progetto: attività, contenuti, aggiornamenti, formazione

Community building

CRONACHE DAL PROGETTO: ATTIVITÀ, CONTENUTI, AGGIORNAMENTI, FORMAZIONE
COMMUNITY BUILDING

Ricominciate tutto da capo all’infinito

Narrazione a più voci #1 | La scuola che perde Gianni non è degna d’esser chiamata scuola…

TEMA: LA SCUOLA CHE FORMA ALL’INTELLIGENZA CRITICA

La Scuola di Barbiana è una scuola partigiana, che non ha paura di schierarsi e prendere posizione, assumendosi tutto il peso delle conseguenze. A partire dal suo fine ultimo, che è quello di dare ai figli di contadini analfabeti – gli stessi che la scuola statale respinge – la possibilità di esercitare una piena cittadinanza.
In questo senso è una scuola che incarna perfettamente il monito contro l’indifferenza enunciato con splendida forza da Antonio Gramsci mezzo secolo prima: “Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti”.

Le risorse documentarie
Da Lettera a una professoressa
L’ospedale

Così è stato il nostro primo incontro con voi. Attraverso i ragazzi che non volete.

L’abbiamo visto anche noi che con loro la scuola diventa più difficile. Qualche volta viene la tentazione di levarseli di torno. Ma se si perde loro, la scuola non è più scuola. È un ospedale che cura i sani e respinge i malati. Diventa uno strumento di differenziazione sempre più irrimediabile. 

E voi ve la sentite di fare questa parte nel mondo? Allora richiamateli, insistete, ricominciate tutto da capo all’infinito a costo di passar da pazzi. 

Meglio passar da pazzi che essere strumento di razzismo.

p. 20
Ascolta il commento sull’estratto della Lettera delle persone coinvolte nello sviluppo della narrazione
Agostino Burberi
Mileno Fabbiani

Piero Cantini

Pubblicazioni in cui compare la fotografia
  • Gesualdi, S., Giorgi, P. (a cura di), Barbiana e la sua scuola. Immagini dall’archivio della Fondazione Don Lorenzo Milani, Firenze, Aska edizioni, 2014, pp. 28-29
  • Milani, Lorenzo (a cura di Michele Gesualdi), La parola fa eguali: il segreto della Scuola di Barbiana, Firenze, Libreria editrice fiorentina, 2005, p. 181
Ascolta il commento sulla fotografia delle persone coinvolte nello sviluppo della narrazione
Agostino Burberi
Mileno Fabbiani

Piero Cantini

Analisi della fotografia
Clicca sul menù sottostante per approfondire l’analisi della fotografia.
I dati che presentiamo sono il risultato del confronto con i testimoni che hanno partecipato alla vita della Scuola di Barbiana.
  • Agostino Burberi: Imparare con gioia
  • Mileno Fabbiani: I ragazzi sorridevano e apprezzavano l’insegnamento di don Lorenzo
  • Piero Cantini: Il sorriso di don Milani verso i suoi ragazzi
  • Agostino Burberi: Probabilmente tra il 1958 e il 1960
  • Mileno Fabbiani: Prima del 1960
  • Piero Cantini: Intorno al 1964
  • Agostino Burberi: Agostino Ammannati
  • Mileno Fabbiani: Agostino Ammannati
  • Agostino Burberi: Nella scuola
  • Mileno Fabbiani: Nell’aula didattica
  • Piero Cantini: Nell’aula
  • Agostino Burberi: Riconosco Michele Gesualdi di profilo, Franco Gesualdi con la camicia a quadri e Silvano Salimbeni di fronte
  • Mileno Fabbiani: Riconosco Silvano Salimbeni, Michele e Francuccio Gesualdi
  • Piero Cantini: Riconosco Michele Gesualdi, Agostino Burberi, Silvano Salimbeni (quello che si vede di lato) e Francuccio Gesualdi (quello che indossa la camicetta a quadri)
  • Agostino Burberi: Non so cosa stiamo facendo perché non riesco a vedere i quaderni
  • Mileno Fabbiani: Stanno studiamo, ma non saprei dire su cosa sono impegnati
Consulta gli altri contenuti della narrazione
La scuola che perde Gianni non è degna d’esser chiamata scuola…
Portare innanzi a ogni costo
tutti i ragazzi
1963 - Ritorno a scuola
Nella Scuola di Barbiana non c’è competizione: non ci sono voti, esami, interrogazioni. Non c’è neppure una rigida divisione in materie…
I ragazzi dei poveri vi rifaranno nuovi voi e i programmi
60x40 O Ammannati e ragazzi
Gli anni in cui don Lorenzo istituisce la scuola a Barbiana (dalla metà degli anni Cinquanta alla prematura scomparsa nel 1967) sono anni di grande…  
Sapevo bene la storia
in cui vivo io
13x18 O lettura giornale
Uno degli elementi ricorrenti nella critica di don Lorenzo alla scuola pubblica è la scarsa attinenza dei contenuti dei programmi…    
Che siete colti
ve lo dite da voi
30x40 O Davanti Officina
Le lezioni di don Lorenzo non mirano a una conoscenza fine a se stessa, al nozionismo: sono sempre contestualizzate e vivono…      
Non avevamo
“educazione fisica”
30x40 O Salto
Uno dei motti latini giunti fino a noi è mens sana in corpore sano, ma così come l’uso comune fraintende il significato originale attribuito a questo motto…      
Mi toccava esser generoso
anche quando non ero
30x40 O Michele insegna
La peer education è una scoperta recente della nostra scuola, una variante all’impostazione gerarchica e trasmissiva che caratterizza…      
Il sapere
serve solo per darlo
30x40 O lezione pergolato
In più di un’occasione don Lorenzo ha confessato agli amici di non aver mai letto una sola pagina di un libro da quando è diventato prete…      

Il centro Generativo è un’applicazione dell’Ambiente Integrato Atque™

Lo sviluppo informatico del Centro Generativo è a cura di Centrica

I risultati del progetto saranno messi a disposizione della Fondazione don Lorenzo Milani
senza alcun suo onere economico e con sua piena libertà di utilizzo